Palazzo Giorgi Mancini e Piazza Castello

Originariamente questo maestoso complesso residenziale, situato in prossimità di Piazza Castello, era di proprietà della nobile famiglia locale Giorgi.
Carlo Giorgi, personalità di spicco della famiglia, fu banchiere a Roma e intimo amico di Papa Clemente XIV (1769-1774), per il quale fece costruire dal Canova un monumento funebre nella chiesa dei Santi Apostoli a Roma.
Una figlia di Carlo Giorgi sposò Fortunato Mancini di Sonnino, esponente di una nobile famiglia legata alla Curia Pontificia. Da questa unione discese la famiglia Mancini che, grazie al matrimonio tra Camillo e Antonia Giorgi, figlia di Giuseppe, ereditò tutti i beni dell'antica casata ceccanese.

Il palazzo è tuttora di proprietà della famiglia Mancini. Annessa all'edificio si trova una piccola cappella dedicata a Sant'Antonio da Padova.

 

La vicina Piazza Castello è situata nell' area dove un tempo sorgeva, molto probabilmente, l'acropoli volsca Fabrateria Vetus. Nel Medioevo questo largo spazio fu utilizzato come zona adibita agli scambi commerciali. Gli edifici che vi si affacciano furono costruiti durante il dominio dei Colonna. Oggi la piazza è dedicata a Camillo Mancini.

Scendendo lungo l'adiacente via Mura Castellane è possibile notare un tratto dell'originale cinta muraria medioevale.

Approfondimenti

Immagini

1187